Categories

AOAV: all our reportsItaliano 🇮🇹Explosive Violence Monitor report translations

Monitor Di Violenze Esplosive 2018

Risultati

Descrizione

  • Quando le armi esplosive sono state utilizzate in aree popolate, il 90% delle vittime e dei feriti erano civili. A fronte del 20% nelle altre zone.
  • In totale, 20. 384 civili sono stati uccisi e feriti in aree popolate.
  • AOAV ha registrato 32.110 morti e feriti da armi esplosive nei 3.461 eventi nel 2018. Di questi, 22.342 erano civili – cioè il 70%.
  • In totale, 16.535 persone sono state uccise (di cui 621 civili), e 15,575 sono stati feriti (di cui 12.721 civili) da armi esplosive. Ciò significa che il 58% di tutte le persone uccise e l’ 82% di tutte le persone ferite dalla violenza esplosiva erano civili.
  • Le morti e i feriti civili in aree popolate rappresentano il 91% di tutte le morti e feriti civili segnalati.
  • Al livello globale, l’uso della violenza esplosiva ha provocato 15.654 morti e feriti nel 2018. Tra questi 10.040, il 64%, erano civili.
  • Le morti e feriti civili causate dall’ uso di armi esplosive da parte dello Stato (10.040) erano quasi pari a quelle derivate dal uso di armi esplosive di attori non statali (10.716).
  • Le morti e infortuni civili provocati da violenze esplosive hanno registrato un calo del 30% lo scorso anno, rispetto all’ anno precedente. Ciò significa che è il secondo anno consecutivo in cui AOAV ha registrato un calo di vittime civili.
  • Incidenti causati da armi esplosive improvvisate (OEI) hanno ucciso e ferito più civili che qualsiasi altro tipo di arma. OEI sono stati responsabili per almeno il 42% di tutte le vittime civili di violenza esplosiva nel 2018. Le armi lanciate dall’aria sono state responsabili per il 32% di tutte le morti e feriti civili. Le armi esplosive lanciate a terra sono state responsabili per il 15%. Il restante 11% e stato causato da incidenti che usano multipli tipi di armi esplosive (9%), mine (1%), esplosivi navali (<1%) e quelli registrati con un metodo di lancio non chiaro (<1%).
  • La Siria, l’ Afghanistan, lo Yemen, l’ Iraq e il Pakistan hanno avuto il maggior numero di morti e feriti tra i civili nel 2018 con 9.587, 4.260, 1.807, 1.508 e 1.215 (vittime civili, rispettivamente).
  • Nonostante il calo delle morti e incidenti riportati, la Siria ha avuto oltre 12.000 morti e feriti registrati da AOAV a causa dell’ armi esplosive solo nel 2018 – l’ 80% erano civili.
  • Alcuni dei paesi più colpiti hanno registrato un aumento significativo delle morti e feriti civili a causa di armi esplosive rispetto all’ anno precedente: l’Afghanistan, lo Yemen, l’India e la Libia.
  • Sette paesi e territori hanno visto oltre 500 morti e feriti tra i civili nel 2018.
  • Gli incidenti sono stati registrati in 64 paesi e territori in tutto il mondo; cinque località in più rispetto al 2017.