Categories

AOAV: all our reportsItaliano 🇮🇹Explosive Violence Monitor report translations

La Violenza Esplosiva nel 2021

Dati principali:

  • In totale, AOAV ha registrato 19,473 morti e feriti causati da armi esplosive in 2,489 incidenti nel 2021, come riportato dai media in lingua inglese. Di questi, 11,102 erano civili, il 57%.
  • In totale, 9,147 persone sono state uccise (di cui 3,376 civili) e 10.326 sono rimaste ferite (di cui 7,726 civili).
  • Quando sono state utilizzate armi esplosive in aree popolate, l’89% delle persone uccise e ferite erano civili. Questo rispetto al 10% in altre aree. AOAV ha registrato 10,295 civili uccisi e feriti in aree popolate. Ciò ha rappresentato il 93% delle morti e dei feriti civili segnalati a livello globale.
  • Il danno civile per incidente è aumentato notevolmente nel 2021 rispetto all’anno precedente, con un impatto più acuto su donne e bambini:
  • Il numero di vittime di bambini segnalate è aumentato dell’11% (da 1,264 nel 2020 a 1,407 nel 2021). L’anno scorso si è registrata la più alta percentuale di bambini vittime dal 2011, pari al 13% del totale delle vittime civili. Questo è quasi il doppio della media osservata negli ultimi undici anni del 7%;
  • Le vittime civili femminili segnalate di violenza esplosiva sono aumentate del 7%, da 692 (2020) a 740 (2021), anche se spesso i sessi delle vittime non vengono registrati. Anche la percentuale di vittime civili segnalate come donne ha raggiunto un massimo del 7%, rispetto alla media del 3% degli ultimi undici anni;
  • Il numero medio di civili feriti per incidente è passato da 3,8 nel 2020 a 4,5 nel 2021, con un aumento del 18%.
  • Afghanistan, Siria, Gaza, Yemen e Iraq hanno registrato il maggior numero di vittime civili globali nel 2021 con rispettivamente 3,051, 2.016, 1,478, 867 e 600 vittime civili:
  • Afghanistan e Siria hanno registrato una diminuzione dei danni rispetto al 2020;
  • Gaza ha visto un aumento da nove vittime civili nel 2020 a 1,478 nel 2021 – un aumento del 16,322%;
  • Lo Yemen ha visto un aumento da 683 nel 2020 a 867 nel 2021, un aumento del 27%;
  • L’Iraq ha visto un aumento da 232 nel 2020 a 600 nel 2021, un aumento del 159%;
  • L’Etiopia ha registrato un aumento da 34 nel 2020 a 311 nel 2021, un aumento dell’815%.
  • Complessivamente, le morti e i feriti tra i civili causati dalla violenza esplosiva hanno registrato un aumento inferiore all’1% lo scorso anno, rispetto al 2020, il primo aumento delle vittime civili causate da armi esplosive a livello globale dal 2015.
  • Le armi esplosive fabbricate hanno rappresentato il 57% delle vittime civili (6,356); gli ordigni esplosivi improvvisati (IED) hanno rappresentato il 43% delle vittime civili (4,726): questo è il numero più basso di civili danneggiati dagli IED dall’inizio del nostro monitoraggio nel 2010.
  • Le armi esplosive lanciate dalla terra sono state responsabili del 31% di tutte le vittime civili; le armi esplosive lanciate dall’aria erano responsabili del 20% (2,231 civili).
  • È preoccupante che lo scorso anno il numero medio di civili feriti per attacco aereo sia passato da 3,6 a 5,1, un aumento del 42%, alimentato dagli attacchi aerei a Gaza e in Etiopia.
  • Gli incidenti sono stati registrati in 57 paesi e territori in tutto il mondo; nove sedi in più rispetto al 2020.