Categories

AOAV: all our reportsItaliano 🇮🇹Explosive Violence Monitor report translations

La Violenza Esplosiva nel 2022

Dati principali:

  • Nel 2022, AOAV ha registrato 31,273 morti e feriti causati da armi esplosive in 4,322 incidenti.
  • Di queste vittime, 20,793 erano civili, pari al 66% del numero totale. Questo segna i livelli più alti di danni civili registrati dal 2018.
  • Il rapporto mostra che le vittime civili dovute all’uso di armi esplosive sono aumentate dell’83% lo scorso anno a causa della guerra in Ucraina. AOAV ha registrato 10,351 vittime civili nella sola Ucraina.
  • Le armi esplosive utilizzate nelle aree popolate sono state responsabili del 90% delle vittime civili, mentre altre aree hanno rappresentato solo il 12%.
  • AOAV ha registrato 19,632 civili uccisi e feriti nelle aree popolate, che rappresentano il 94% dei morti e feriti civili segnalati a livello globale.
  • Il numero medio di civili feriti per incidente è passato da 4,5 nel 2021 a 4,8 nel 2022, indicando un aumento del 7%.
  • Le vittime civili femminili segnalate di violenza esplosiva sono aumentate dell’1,6% da 744 nel 2021 a 756 nel 2022, mentre le vittime femminili segnalate nel 2022 hanno rappresentato il 4% delle vittime civili totali.
  • Il numero di vittime minori segnalate è diminuito del 19%, da 1,419 nel 2021 a 1,146 nel 2022, e le vittime di violenza esplosiva di minori sono scese al 5% nel 2022 dal 13% registrato nel 2021.
  • Ucraina, Afghanistan, Siria, Somalia ed Etiopia hanno registrato il maggior numero di vittime civili nel mondo nel 2022.
  • Le armi esplosive fabbricate hanno rappresentato il 78% delle vittime civili nel 2022, mentre gli ordigni esplosivi improvvisati (IED) hanno rappresentato il 21%.
  • Le armi esplosive fabbricate lanciate dalla terra sono state responsabili del 52% di tutte le vittime civili, mentre le armi esplosive lanciate dall’aria hanno rappresentato il 19%.
  • Il numero medio di civili feriti per attacco aereo è passato da 5,6 a 7,5, indicando un aumento del 34%.
  • Gli incidenti sono stati registrati in 60 paesi e territori in tutto il mondo, tre in più rispetto al 2021.